Un vero Paradiso - Shopping, riva degli etruschi

Itinerari

La Toscana mediterranea

Il mare è l'anima della Costa degli Etruschi: ti accompagna ovunque. Negli oltre 90 km di litorale spiagge di sabbia bianca, finissima, o di ghiaia scura , si alternano a scogliere intagliate dalla furia del vento e delle onde. Insenature, calette e baie si rincorrono ininterrottamente.


Approfondisci


 
 

La Toscana mediterranea


Per il mare sono famose Quercianella, Castiglioncello, Rosignano, Vada, Cecina, Bibbona, Marina di Castagneto, Donoratico, San Vincenzo e Baratti, località attrezzate per un soggiorno sul mare all'insegna del relax, divertimento, cultura e sport, immersi nel verde di grandi pinete ombrose e le luccicanti acque del mediterraneo.
A Livorno , sede della Accademia Navale, principale università marinara del Mediterraneo, sono sorti, sul finire dell'800, i primi stabilimenti balneari d'Italia , quando si è cominciato a scoprire la bellezza della vacanza marina.
Ovunque si respira un'aria di vacanza serena e stimolante, dove si può scegliere lo sport e lo svago preferito. La pesca, la fotografia e le escursioni subacquee sono favorite dalla qualità dell'habitat marino, popolato da una fauna pregiata i cui esemplari sono ospitati dall'Acquario di Livorno.
In tutte le stagioni è possibile praticare la vela ed il windsurf. Grandi opportunità ha la nautica da diporto, grazie ai porti di Livorno e Piombino, sedi anche di un importante traffico crocieristico, ai porti turistici, ai porticcioli ed agli approdi, numerosi lungo tutta la costa. Le mostre di pittura, le rassegne di danza di rilievo internazionale, le manifestazioni folkloristiche , i concerti , propongono occasioni di interesse e di divertimento.
La cucina marinara della Costa degli Etruschi, della quale il cacciucco e le triglie alla livornese sono i piatti più famosi, è apprezzata in tutto il mondo.

Gli Etruschi

Toscana Mediterranea - gli Etruschi

E' su questo territorio che, tra mare e natura, si snoda il percorso che conduce ai tesori architettonici. Gioielli di arte e cultura, custoditi da questa terra amata dagli Etruschi che vi hanno edificato, nel golfo di Baratti, l'unica necropoli situata sul mare e lasciato numerose ed importanti testimonianze. La Costa degli Etruschi è tutta da scoprire: i borghi medievali, addossati alle colline e ricchi di una storia millenaria, hanno viuzze lastricate, chiese raccolte, palazzi turriti, pievi e castelli, facendo rivivere un tempo passato che qui sembra così vicino.

Il parco archeologico

Tra il Promontorio di Piombino e il Golfo di Baratti, emergono i resti di Populonia, l'unica città etrusca sul mare, fiorita sulla lavorazione minerale di ferro proveniente dall'Isola d'Elba. Attraverso una documentazione costituita da pannelli e proiezioni multimediali, il Parco vi accoglie nel Centro Visita di San Cerbone.
Il percorso più suggestivo è sicuramente quello che si snoda nel bosco, per raggiungere le Tombe delle Grotte. I sentieri guidano attraverso le pendici del Promontorio nell'area delle antiche cave di pietra e delle tombe che vi sono state scavate. Una visita guidata nell'area bassa del Parco, vi consentirà di ammirare i tumuli e le tombe a edicola di Populonia (VII - VI sec. a.C.).
Gli archeologi del Parco vi introdurranno alla lavorazione della ceramica antica, della pietra e alla simulazione di scavi archeologici con programmi specifici per bambini e scuole. Nel Parco sono messi in risalto anche gli aspetti naturalistici, segnalati lungo i sentieri. Un percorso trekking è dedicato a chi si vuole immergere nel bosco più inaccessibile.

VISITA:
centro visita - visite guidate sentieri archeologico/naturalistici percorribili a piedi centro di archeologia sperimentale

SERVIZI:
parcheggi custoditi - punto di ristoro aree attrezzate per la sosta book-shop collegamento con Piombino e San Vincenzo garantito dal servizio ATM

ORARIO DEL PARCO: Alta stagione: da martedì a domenica ore 9/20 Agosto: anche il lunedì e festivi ore 9/20 Da Novembre a Febbraio: da martedì a venerdì ore 9/14 sabato, domenica e festivi ore 10/17 Ottobre e Marzo: da martedì a domenica e festivi ore 10/18

INFORMAZIONI: Parco Archeologico di Baratti e Populonia
Loc. Baratti - 57025 Piombino (LI)
Tel. +39 0565.49430 - Fax +39 0565.25107

Il mare

Toscana Mediterranea - il mare

Il mare è l'anima della Costa degli Etruschi, ti accompagna sempre. Vive nella storia, nei paesaggi, dà luce ai tramonti, profuma l'aria, si offre alla vista dai borghi e dalle colline, lambisce le pinete e la macchia mediterranea.
Spiagge di fine sabbia bianca si alternano, per oltre 90 km, con arenili, ugualmente profondi, ma più scuri e densi e con le scogliere intagliate dal vento. Insenature, calette e baie si rincorrono ininterrottamente.

Populonia e il golfo di Baratti

Il Golfo di Baratti possiede tutto ciò che ogni turista può desiderare: bellissime spiagge, mare a volontà, pinete dove fare picnic e boschi per fare trekking; c'è poi l'antico borgo di Populonia che offre al visitatore una stupenda vista sulla Val Di Cornia e sull'antistante braccio di mare oltre cui si può scorgere l'Isola d'Elba e, in condizioni ottimali di visibilità, la Corsica.

Una strada panoramica percorre la spiaggia per l'intera lunghezza e in alcuni tratti è separata da quest'ultima da una bella e fitta pineta.

La sabbia è piuttosto grossa e la sua peculiare caratteristica è quella di assumere in alcuni tratti riflessi blu-argento. Questo fenomeno è ben visibile nel piccolo tratto sottostante la chiesa di San Cerbone.

Sul lato opposto del golfo è attivo un piccolo porto turistico. Insomma: un contesto naturalistico incontaminato in cui si è inserito il parco naturalistico-archeologico di Baratti e Populonia.

Arcipelago Toscano

ll mare - Arcipelago Toscano Include sette isole: Elba, Capraia, Gorgona, Pianosa, Montecristo, Giglio, Giannutri. Si tratta di isole di formazione geologica assai diversa: Capraia é vulcanica, il Giglio e l'Elba sono prevalentemente granitiche.

Una grande varietà geologica che influenza forma e paesaggio di ciascuna isola. L'antichissima presenza dell'uomo, testimoniata dai ritrovamenti e dalla lunga tradizione di lavorazione dei minerali, ha prodotto profondi cambiamenti nella vegetazione originaria e i boschi di leccio restano solo in alcune parti dell'Elba, mentre la macchia mediterranea é la vegetazione dominante. L'Arcipelago Toscano ha rappresentato un'importante area di rifugio e di collegamento tra il sistema sardo-corso e la penisola. Da questa storia la presenza nell'Arcipelago di specie di animali e vegetali estremamente focalizzate, formatesi nei periodi d'isolamento, assieme a specie presenti solo in Corsica e in Sardegna.
Presenti colonie di uccelli marini, berte e gabbiani, tra i quali il raro gabbiano corso, specie endemica del Mediterraneo e presente in Italia in pochissime località. Sporadicamente segnalata la foca monaca mentre è possibile l'avvistamento di cetacei.


Isola d'Elba

Martedì/Mercoledì.
Partenza i bus G.T. da Riva degli Etruschi ed imbarco al Porto di Piombino. Arrivo a Portoferraio dopo circa un'ora di navigazione e quindi inizio del tour alla scoperta dell'isola e delle tradizioni locali. Breve sosta a Villa S.Martino (residenza estiva di Napoleone) e pranzo facoltativo a Marina di Campo. Nel pomeriggio continuazione del tour con visita di Portoazzurro e quindi trasferimento a Portoferraio. Rientro previsto ai luoghi di partenza per la cena.

Giro dell'Arcipelago: Isole del Giglio e Giannutri Mercoledì. Partenza in bus G.T. per Castiglion della Pescaia ed imbarco sulla motonave verso le ore 09.00. Navigazione ravvicinata alla costa con magnifica vista del Parco della Maremma con le sue famose torri di avvistamento, Talamone ed il promontorio dell'Argentario. Sosta di due ore all'Isola del Giglio con possibilità di godersi i meravigliosi fondali, rilassarsi sulla spiaggia oppure salire sulla famosa Cala Maestra, in uno stupendo paesaggio naturale, incredibile cornice alla Villa Romana del II secolo d.C. Pranzo a bordo della motonave con il seguente menu: Primo piatto della tradizione marinara - Gamberoni alla griglia - Dolce - Bevande incluse. Al termine della navigazione rientro a Talamone per una breve visita. Rientro in bus a Riva degli Etruschi per l'ora di cena.

Biologia ed ecologia marina

I fondali del Golfo di Baratti e del Promontorio di Populonia sono di rara bellezza e ricchezza di flora e fauna marina.
A partire da pochi metri di profondità si offre al subacqueo visitatore un'esplosione di colori e forme, il giallo del parazoantus, l'arancione delle spugne di grandi dimensioni e il verde delle praterie di poseidonea, culla del mare. Un'infinità di molluschi, pesci e crostacei di tutte le dimensioni e razze sembrano giocare su un fondale roccioso di immutata autenticità. Sul fondale coralligeno, poi, colpiscono le gorgonie rosse di grandi dimensioni con movimenti sinuosi e la presenza di reperti antichi.

Anche in mare aperto non mancano gli incontri sorprendenti con pesci luna, aquile di mare, banchi di pesce azzurro e – per i più fortunati – cetacei che seguono il santuario del mediterraneo.

L'Istituto di Biologia Maria di Piombino ha sede in un antico palazzo modernamente restaurato ed attrezzato, che agli inizi del 1400 fu utilizzato da Gherardo Appiani come residenza signorile.

In un contesto naturale altamente suggestivo, al centro di una piazza che si estende sul mare dinanzi all'isola d'Elba, la struttura mette a disposizione laboratori ed aule completamente attrezzati per lo studio dell'ambiente marino: flora e fauna del litorale tirrenico.

Gruppi di 25 allievi possono utilizzare anche contemporaneamente strumenti scientifici come microscopi, stereoscopi, strumenti di analisi delle acque, ecc. Il percorso didattico prevede insegnamenti teorici e l'utilizzo di audiovisivi, schede, sussidi biografici e studio diretto di esseri viventi prelevati dal mare circostante.

Osservazioni dal vivo sono possibili nel vicino acquario e attraverso escursioni sulla costa. L'Acquario Mediterraneo con sede a pochi metri dall'istituto ed alimentato direttamente con acqua di mare, è aperto al pubblico con 15 vasche (delle quali 3 di grandi dimensioni).

Visibili reperti animali: collezioni di conchiglie, parti scheletriche, dentature, ecc.

Per informazioni: Tel. 0565/225196.


Le Bandiere Blu della Comunità Europea sottolineano la qualità delle acque marine e dei sevizi offerti dalle località turistiche della Costa degli Etruschi. E' un mare da vivere, popolato da una fauna pregiata, dove è possibile praticare tutti gli sport. Grandi opportunità ha la nautica da diporto grazie ai numerosi porti turistici attrezzati.

Livorno, città di mare, dove sono nati, sul finire dell' 800, i primi stabilimenti balneari d'Europa, è sede della centenaria Accademia Navale, prestigiosa scuola di formazione degli ufficiali della Marina Italiana.

Un ringraziamento speciale a APT Costa degli Etruschi - Testi di Monica Felli.

Parchi naturali e riserve

Toscana Mediterranea - parchi naturali e riserve

Le oasi di Bolgheri e di Orti Bottagone, quella della Magona, i parchi della Val di Cornia e quello delle colline livornesi, le aree protette, le oasi botaniche, i rifugi faunistici popolati da specie rare e pregiate, pinete folte e boschi profondi, una campagna ricca di colori e di profumi: nella Costa degli Etruschi la natura, salvaguardata e protetta, non è solo una cornice, ma l'essenza stessa di questa terra. L'aroma dei pini, dei tigli e delle tamerici profuma l'aria e si confonde con l'odore del salmastro. La macchia mediterranea, i caratteristici tomboli si spingono fino alla spiaggia quasi a congiungersi con il mare cristallino. Boschi di ulivi, lecci e sugheri, selve di castagni, sono attraversati da ricami di sentieri che conducono a borghi e monumenti antichi. Nella campagna fertile, che dal mare si protende fino ai pendii collinari la Strada del vino, illuminata dal sole che filtra tra gli alberi e fa brillare le vigne, si porge come un itinerario dei sensi e dell'anima. Le terme antiche di Venturina, di epoca etrusca e romana, donano vigore e frescura.

Toscana Mediterranea - un giardino per naturalisti

A Riparbella (PI) c'è un'oasi dedicata a chi vuol vivere le emozioni di un contatto diretto con la natura. Centro di educazione ambientale e laboratorio didattico. "Il Giardino" offre la possibilità di conoscere a fondo la natura di questi luoghi attraverso itinerari faunistici e botanici di grande suggestione.

Un tempo regno di boscaioli e carbonai al servizio delle antiche ferriere di Cecina, questo territorio è oggi la meta giusta per osservare cinghiali, daini, caprioli e conoscere tutti gli aspetti della macchia mediterranea.

Per informazioni e prenotazioni di escursioni guidate contattate la Cooperativa A.R.D.E.A. (piazza Guerrazzi 18, Livorno, Tel. 0586/881382) o il Comune di Riparbella (0586/697111 - 302).

I periodi di visita sono quelli di maggio/luglio e settembre/ottobre; i giorni previsti per le visite sono mercoledì e sabato con ingresso alle ore 8.30

I borghi medievali

Toscana Mediterranea - i borghi medievali



Dolcemente adagiati tra il mare e le colline, o immersi nella campagna, i borghi medievali della Costa degli Etruschi hanno il dono di far rivivere il tempo passato. I paesi di Campiglia Marittima, Suvereto, Populonia, i forti e torri di San Vincenzo, Donoratico e Cecina si uniscono in un itinerario un po' fiabesco che rivela inoltre castelli, pievi, piccoli teatri storici, chiostri e ville nascoste nel verde. Nell'armonia architettonica medievale si inseriscono anche testimonianze romane e rinascimentali, a dimostrazione del patrimonio di civiltà e di storia di questi luoghi. I borghi, che sulle dolci colline toscane ci testimoniano la storia e cultura di queste terre, invitano ad esplorarli seguendo gli itinerari percorsi prima di noi da grandi poeti.

Toscana Mediterranea - sulle tracce del poeta
Escursioni


1) Castagneto Carducci – percorso ciclistico Lunghezza: 37 km - Dislivello: irrilevante - Durata: 2 - 2.30 ore Note: si tratta di un percorso molto bello e facile che non richiede un allenamento specifico. Si parte dalla loc. San San Giusto, nei pressi del ristorante-albergo "Zì Martino", imboccando la via Bolgherese in direzione Bolgheri. Dopo quasi 1 km si gira a destra seguendo l'indicazione per il campeggio Le Pianacce; giunti quindi nei pressi di un crocifisso si piega a sinistra sulla stradina di Lamentano; dopo 2 km, prima dello sterrato si gira ancora a sinistra tornando sulla via Bolgherese fino all'innesto col viale dei cipressi dove si gira a sinistra scendendo verso San Guido (3.4 km). Giunti sulla S.S. 1 Aurelia si gira a destra e dopo un paio di km si piega ancora a destra verso Bibbona (5.1 km). Da qui si continua verso Bolgheri e il viale dei cipressi. Dopo una visita al borgo si scende per il viale fino al bivio sulla sinistra per Castagneto Carducci dove s'imbocca nuovamente la via Bolgherese fino al punto di partenza.

2) Il Rifugio Palustre di Bolgheri è un'oasi naturale di protezione istituita nel 1962 su iniziativa del proprietario, marchese Mario Incisa della Rocchetta: circa 600 ettari di area umida visitabile da novembre ad aprile il martedì, venerdì e il 3° sabato d'ogni mese. Nel periodo invernale è un vero e proprio paradiso per migliaia di uccelli; vi nidificano infatti il cavaliere d'Italia, il tuffetto, l'airone rosso, il germano reale e la folaga mentre è un punto tappa per i migratori come beccaccini, aironi bianchi, pavoncelle, cicogne nere e altri. Per le visite è necessario prenotarsi presso il Comando dei Vigili Urbani di Donoratico (0565/777125).

3) Marina di Castagneto Carducci - Donoratico. Molto bella la passeggiata (3 km andata e ritorno) sulla spiaggia dall'antico Forte di Castagneto fino alle Ville Emilia e Margherita in magnifica posizione a 20 metri dal mare.

I sapori

Toscana Mediterranea - i sapori



Dagli scogli di Calafuria e di Quercianella alle placide spiagge di Vada, dalla sabbia di Marina di Castagneto ai fasti di Castiglioncello, transitando dalle boutique di Cecina alle meraviglie archeologiche di Populonia e a quelle subacquee di Baratti, in un intercalare di pinete e di un turismo ancora a misura d'uomo, sono i sapori originari della maremma toscana ad unire il paesaggio in un unico itinerario dei grandi interessi e meriti eno-gastronomici. La genuinità della cucina è frutto di una lunga tradizione di pesca e delle ricchezze della macchia circostante. La sua offerta di cacciagione e di animali da cortile crea un'armonia perfetta con i vini di enorme valore, più o meno famosi, della Strada del vino, la qualità dell'Olio Extravergine d'Oliva, tra i migliori d'Italia, e i frutti di questa terra autentica toscana.

Il litorale livornese si distingue per la sua discontinuità. Intesa in senso positivo, intendiamoci. A tavola e non solo. Andare da un capo all'altro della costa oggi è facile, grazie all'autostrada e alla nuova Aurelia che, senza irreparabili scempi ambientali, hanno decongestionato la costa, liberandola dall'assedio delle auto .

I paesi e le cittadine hanno recuperato così la loro dimensione originaria e la buona cucina ne ha guadagnato. In riva al mare il pesce imperversa e un aiuto gli viene dai bianchi dell'entroterra, che forti premono ad accompagnare orate e dentici, gamberi e seppie. Connubio, quello di un'ottima materia prima qualità, che è risultato decisivo nel punteggiare il territorio di ristoranti e trattorie specializzati nella cucina marinara. Quella di sempre: come il riso alla scogliera (con polpi, arselle, seppie e gamberi), la zuppa di arselle, le acciughe fritte, il polpo alla marinara, i gamberoni in guazzetto e le immancabili grigliate di pesce nobile. Anche se perfino qui giunge l'eco dei sapori dell'entroterra, grazie alle numerose enoteche che, piano piano, hanno preso a portare a tiro di ombrellone i grandi rossi di questa zona e il loro degno accompagnamento di formaggi, salumi, olio extravergine. In modo che anche il più balneare dei soggiorni possa trasformarsi in un'esperienza enogastronomica completa.

Aiuta, in zona, anche la presenza di famosi e plurisegnalati locali, che restano punti di riferimento fondamentali per i gourmet. Ma ciò significa che la buona cucina sia solo un loro appannaggio. Anzi: fuori dalla celebrità, sono moltissimi i ristoranti della costa in grado di sfornare piatti memorabili e il bello di una vacanza sta anche nell'andarseli a scoprire un po' per volta, seguendo le tracce e i suggerimenti degli amici o di gente del posto.


le strade del vino

Benvenuti su una delle strade più belle della nostra penisola !

Antiche suggestioni di borghi medievali, spazi verdi ancora integri, l'atmosfera ovattata e profumata di vecchie cantine e sapori genuini s'inseguono su questo magico nastro d'asfalto che si snoda nel cuore della Costa degli Etruschi.

Già nel '400 i vigneti ricoprivano questi colli ma una vera e propria cultura enologica comincia intorno agli anni '60 quando il marchese Mario Incisa della Rocchetta s'inventa il SASSICAIA, uno tra i Cabernet più apprezzati in tutto il mondo.

L'altro Cabernet, vanto di questa nobile terra, è l'ORNELLAIA, preziosa creatura di Lodovico Antinori.

A due passi dai cipressi di carducciana memoria, sui dolci colli di Bolgheri, il Sassicaia e l'Ornellaia rappresentano le punte di diamante di una produzione di gran qualità che annovera ben tre zone Doc: Montescudaio, Bolgheri, Val di Cornia.

Si chiama "strada del vino" ma potrebbe essere anche quella "dell'olio", o più in generale la "via dei sapori genuini" impregnati delle essenze mediterranee: dal miele ai formaggi, dal pane cotto a legna ai liquori prodotti artigianalmente, a frutta e ortaggi coltivati biologicamente.

le cantine

AZIENDA AGRICOLA BANTI JACOPO E C.
Loc. Citerna, 24 - 57021 Campiglia M.ma (LI)
Tel./Fax 0565.838802

BULICHELLA
Loc. Bulichella, 131 - 57028 Suvereto (LI)
Tel. 0565.829892 - email: bulichella@etruscan.li.it

INCONTRI
Loc. Fossoni, 38 - 57028 Suvereto (LI)
Tel. 0565.829401 - email: blocloko@hotmail.com

MONTE RICO
Loc. Poggio Cerro - 57028 Suvereto (LI)
Tel. 0565.829550

PETRICCI DEL PIANTA
Loc. S.Lorenzo, 20 - 57028 Suvereto (LI)
Tel. 0565.845140 - email: petricci@etruscan.li.it

PODERE SAN MICHELE
Via della Caduta, 3/A - 57027 San Vincenzo (LI)
Tel. 0565.798038

IL VIGNALE
Loc. Vignale Riotorto - 57025 Piombino (LI)
Tel. 0565.20812

SAN GIUSTO
Loc. Salivoli - 57025 Piombino (LI)
Tel. 0565.41198

PODERE SAN LUIGI
Via dell'Arsenale, 16 - 57025 Piombino (LI)
Tel. 0565.220578 - 0565.30380

TUA RITA
Loc. Notri, 81 - 57025 Suvereto (LI)
Tel. 0565.829237

GUALDO DEL RE
Loc. Notri, 77 - 57028 Suvereto (LI)
Tel. 0565.829888 - 0565.829361 - email: gualdo@infol.it

MICHELE SATTA
Loc. Vigna al Cavaliere, 61 - 57022 Castagneto Carducci (LI)
Tel. 0565.773041 - email: satta@infol.it

TENUTA SAN GUIDO
Loc. Capanne, 27 - 57020 Bolgheri (LI)
Tel. 0565.762003 - email: citaispa@infol.it

TENUTA DELL'ORNELLAIA
Via Bolgherese, 191 - 57020 Bolgheri (LI) Tel. 0565.71811 - email: info@ornellaia.it

TENUTA GUADO AL TASSO
Loc. Belvedere, 140 - 57020 Bolgheri (LI)
Tel. 0565.749735

In gita all'Elba

ACQUABONA
Loc. Acquabona, 1 - 57037 Portoferraio (LI)
Tel. 0565.933013 - email: acquabona.elba@tiscalinet.it

TENUTA LA CHIUSA
Loc. Magazzini, 93 - 57037 Portoferraio (LI)
Tel. 0565.933046


i piatti tipici

Questa zona presenta una cucina molto legata alle tradizioni che si avvale nella confezione dei piatti dei prodotti locali, e che si suddivide in due filoni: uno legato al mare ed l'altro che valorizza i prodotti dell'entroterra.

La cucina marina impiega pesce di qualità, abbondante sui fondali del canale, e con ricette originali per il pesce azzurro. Numerose le preparazioni particolari oltre ai numerosi arrosti; tipico il polpo lesso ed inoltre: cozze ripiene, arselle in umido, seppie e bietole, stoccafisso con patate, cacciucco, tortelli di mare tanto per citare i più noti.

La cucina dell'entroterra si basa su arrosti ed umidi utilizzando animali da cortile e selvaggina (lepre e cinghiale).

Particolarmente gustosi i primi piatti che valorizzano gli aromi naturali: le minestre, le zuppe, e le paste tirate a mano. Buono l'assortimento dei contorni, degli sformati e dei dolci semplici e gustosi. Eccezionali le verdure e la frutta. L'olio di oliva è uno dei migliori d'Italia. I vini da sempre di buona produzione, hanno raggiunto, in questi ultimi anni, livelli qualitativi eccellenti che hanno consentito la denominazione di origine controllata (D.O.C.).

Il mistero del cacciucco Gli storici della cucina dicono che il cacciucco non sia soltanto il frutto di un miscuglio di ingredienti diversi, ma anche di molte ricette diverse. La sintesi dei tanti modi importati da tutto il mondo, come fatalmente accade nei porti di mare, di preparare un piatto che, in fondo, è universale: la zuppa di pesce.

Una tesi cui vengono effettivamente in soccorso argomenti importanti. Il primo è fornito dal Devoto-Oli, che fa risalire l'origine della parola cacciucco al turco Kuzuk, che significa piccolo e quindi, traslatamente, minutaglia: donde il significato di cacciucco come minestra di minutaglie (di pesce, sottinteso). Gli fa sponda l'opinione di un altro che, quanto a cucina di questa zona, se ne intende: Aldo Santini. Il quale sostiene, che il piatto trova le sue radici a bordo delle galere cinquecentesche, ove si preparava per sfamare i vogatori alla catena; e rievoca addirittura, in questa palingenesi, tradizioni marinare più antiche, compresa quella fenicia.

Comunque stiano le cose, una è però certa. Rispetto agli usi antichi, negli ultimi lustri anche il modo di preparare il cacciucco è cambiato: gli ingredienti sono meno vari di una volta e più improntati alla qualità. Meno pesci ma più buoni. meno lische, insomma. E in fondo è meglio così.

Sagre, rievocazioni e fiere

Toscana Mediterranea - Sagre, rievocazioni e Fiere



Nella Costa degli Etruschi si respira un'aria di vacanza serena, stimolante, dove si può scegliere lo spettacolo, lo sport, il divertimento preferito. Terra di pittori e di musicisti, qui, durante tutto l'anno si svolgono importanti rassegne di pittura di rilievo internazionale, stagioni concertistiche di musica lirica e classica organizzate dal Teatro di tradizione, cartelloni di danza prestigiosi. Le rievocazioni storiche, le sagre, le manifestazioni folkloristiche rinnovano suggestioni profonde. A Livorno si svolgono importanti manifestazioni marinare, radicate nella storia e nelle tradizioni di questa città. Il Trofeo Velico viene disputato da equipaggi provenienti da tutto il mondo. Nel Palio Marinaro e nelle altre gare remiere, sono i quartieri della città che si sfidano i secondo una consuetudine che si tramanda intatta nel tempo. La pesca, la fotografia e le escursioni subacquee sono favorite dalla qualità dell'habitat marino. Tutte le informazioni aggiornate sul calendario degli eventi del territorio, lo trovate all'indirizzo:

www.costadeglietruschi.it

Informazioni utili

Toscana Mediterranea - informazioni utili



UFFICI TURISTICI

Apt Costa degli Etruschi
Piazza Cavour, 6 - Livorno
Tel +39 0586 204611 - Fax +39 0586 896173
info@costadeglietruschi.it
www.costadeglietruschi.it

SAN VINCENZO
Via B. Alliata
Tel. +39 0565 701533 - Fax +39 0565 706914
aptsvincenzo@infol.it
Comune di San Vincenzo
www.comune.san-vincenzo.li.it

UFFICI DEL TURISMO DELLA PROVINCIA DI LIVORNO

LIVORNO
Piazza del Municipio, 4
Tel. +39 0586 257441

MUSEI

LIVORNO
Museo civico G. Fattori Villa Mimbelli
Via S. Jacopo in Acquaviva, 65
Info +39 0586 808001

CECINA
Museo Archeologico Villa Guerrazzi
Loc. La Cinquantina
Info +39 0586 669111

ROSIGNANO MARITTIMO
Museo Archeologico Palazzo Bombardieri
Via del Castello, 24
Info +39 0586 724287/8

CASTAGNETO CARDUCCI
Casa del Carducci
Via Carducci
Info +39 0565 765032

PIOMBINO
Parco Archologico di Baratti e Populonia
Info +39 0565 29002
CAMPIGLIA MARITTIMA
Museo di Palazzo Pretorio
Info +39 0565 838497

VENTURINA
Museo della Civiltà del lavoro
Info +39 0565 855913

PER VIAGGIARE
:: Ferrovie dello Stato
:: Aeroporto di Pisa
:: Aeroporto di Firenze